Filippo alla scoperta dei Lamenti del venerdì Santo

Ritornando al tema delle tradizione e il mio impegno a farle conoscere ai mie figli. In questi giorni di quaresima, ho proposto a Filippo le litanie del venerdì santo, recitandole a modo mio, subito i bimbo è apparso interessato. Da qui l’idea di farli recitare e realizzare un video.

Ci siamo armati di microfono e vai con la registrazione. Molte volte interrotta dal pianto del piccolo Roberto. 🙂
Le immagini del video sono state scelte sempre da Filippo. Giuseppe ha fatto da regista scegliendo il posto e il tempo quando dovevano entrare nello stage.

Ed io, ho fatto l’operaio seguendo le loro indicazioni, è stata dura credetemi :).


Una curiosità scoperta con Filippo mentre registravamo. Ci è subito saltata  all’occhio la parola “Cunostu”. Parola da me sconosciuta.

Quindi una sera  ci siamo messi davanti al pc per una ricerca sulla rete della parola incriminata, con sorpresa abbiamo trovato la parola “cunosti” nella lingua Rumena che a il significato di “sapere, conoscere”.
Forse il termine derivante dal latino co-gno-sco?  booooH !

Di seguito le frasi in antico siciliano recitate, con affianco la traduzione in italiano.

 A SITTIMANA SANTA LA SETTIMANA SANTA
Di luni si cumencianu li chianti Di lunedì incominciano i pianti
e va finiri tutta la simana. e continuano per tutta la settimana.
Di marte costa lu passiu Santu. Di martedì inizia la passione Santa.
Di mercuri è la santa quarantana. Di mercoledì è la Santa “Quarantana”
Di iovi fu traditu Cristu Santu. Di giovedì fu tradito Cristo Santo.
Di veneri è di lignu la campana. Di venerdì la campana è di legno.
Di sabatu Maria sparma lu mante Di sabato Maria distente il manto
Duminica Gesuzzu ‘ncielu torna Domenica Gesù in cielo torna.
. .
A PASSIONE E MORTI PASSIONE MORTE
Cristu trentatri anni iu ppi spersu; Cristo a trentatre anni andava in giro.
na neppi quantu unuri di cunostu Non ebbe onore da nessuno.
e di muriri lu sappia di certu E di morire lo sapeva di certo
quannu faciva orazione al’ortu quando pregò nell’orto
Cu ci chiantau li chiova fu gran tortu Chi gli  piantò i chiodi fece gran torto e
nessun che na neppi pietà nessuno ne ebbe  pietà.
Maria va circannu a lu Signuri Maria andava cercando il Signore,
e ppi li strati non lu pò truvari e per le strade non lo potè trovarlo;
sempri dicennu fighiu o Salvaturi, sempre dicendo “figlio o Salvatore,
sulla senza di tia non pozzu stari. sola senza di te non posso stare”.
. .
2° STROFA 2° STROFA
Lu iovi santu  e lu iovi mattinu, Il giovedì Santo, di  mattina,
la Bedda Matri si misi ‘incamminu. la Madonna si mise in cammino.
ppi strata scuntrau a San Giuvanni Per la strada incontrò San Giovanni,
ci dissi: “Mamma una stati iennu?” il quale le disse:”Mamma, dove andate?”
“Vaiu circannu allu me Santu figghiu, “Vado cercando il mio Santo Figlio,
lu cercu e nu lu sacciu nova” lo cerco e non lo riesco a trovare”.
Va iti ni li casi di Pilatu; Andate nelle case di Pilato
dda lu truvati strittu ‘incatinatu. la lo troverete stretto e incatenato;
Tupp tupp! “Cu è d’arrè sa porta Toc, toc,”Chi è dietro la porta.
Forsi è me Mamuzza dulurata. Forse è mia Mamma addolorata.
Mamma, mamuzza na vi possu apriri; Mamma, mammina non vi posso aprire;
sugnu ‘ncatinatu di mani e di peri sono incatenato di mani e di piedi.
   
3° STROFA 3° STROFA
Va iti ni lu mastru firrareddu Vai dal fabbro
a fari fari un paruzzu di chiova, a farti fare una paio di chiodi,
nun tantu rossi e nun tantu pungenti, non tanto grossi e non tanto pungenti,
ch’ana pirciari carnuzzi nuccenti” che devono penetrare carni divine”.
Poi lu senti lu chiu tradituri: Lo sentì il più traditore
“Quantu chiù rossi li putiti fari, “Quanto più grossi li dovete fare
quantu chiù rossi li putiti fari, quanto più grossi li dovete fare
ch’ana pirciari carnazzi di cani” che devono penetrare carnaccia di cane
La Bedda Matri senti su parrari; La Madonna sente queste parole
ieta lu mantu e la terra tremau butta il manto e la terra tremò.
Chiamamulu stu beddu Sacramentu! Invochiamolo questo bel Sacramento
Viva lu Beddu nomu di Maria! Viva il bel nome di Maria
.. ..
4° STROFA 4° STROFA
“Veni, veni Giuvanni o miu fidatu! Vieni, vieni Giovanni o mio fidato!
Portami nova di lu duci figghiu”. Portami notizie del  dolce Figlio.
“Mamma lu vistu allu munti Carvaru, “Mamma l’ho visto al monte Calvario,
stisu supra lu lignu di la Cruci” steso sopra il legno della Croce
O Santa Cruci di vegnu a vidiri, O Croce Santa, di vengo   a vedere
tutta di sangu di vegnu a truvari. piena di sangue ti vengo a trovare
Cu fù ddu omu ca vinni a muriri? Chi fù quell’uomo che venne a morire?
Fu Gesù Cristu ch’eppi ‘na lanciata. Fù Gesù Cristo, che subì un colpo di lancia
Figghiu nascisti sanu comu un gigghiu, Figlio sei nato sano come giglio
ora ti viru tuttu spraggilatu. ora ti vedo tutto insanguinato
L’angiulu Gabrielu fu conformu: l’Angelo Gabriele mi disse il vero
lu calici alla cruci ci purtai il calice amaro alla croce gli portai
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...